Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘-liquori elisir infusi’ Category

Alla fine di ottobre ho raccolto le ultime foglie di basilico menta melissa. Il lauro è una pianta sempreverde come  il rosmarino mentre la salvia in inverno rinsecchisce. In questa preparazione le foglie, che devono essere fresche e non secche,  vengono usate in numero dispari di 7 (?), cosa curiosa che associo a una misteriosa formula alchemica. Il risultato è un liquore piacevole  e digestivo.

 

Definizione di elisir tratta da Dizionario etimologico online: elisir, elisire, dal francese elixir, dall’arabo el iksir.                                                                      Forte e spiritoso liquore contenente le più pure e attive parti di diversi corpi misti insieme, estratti e comunicategli colla macerazione o coll’infusione.

 

7  foglie di alloro, 7 di melissa, 7 di menta, 7 di salvia, 7 di basilico, 7 di rosmarino (io ho messo un rametto), un pezzetto di cannella, un pezzo di scorza di limone, 1/2 litro di alcool 90°, 400 g di zucchero, 700 ml di acqua.

Lavate e asciugate le erbe, mettetele a macerare nell’alcool con la cannella  e un pezzo di scorza di limone di 10-15 cm (solo la parte gialla  eliminando tutta quella bianca) per una decina di giorni*. Trascorso questo tempo preparate uno sciroppo con acqua e zucchero facendo bollire 2 minuti. Fate raffreddare, unite lo sciroppo all’alcool e alle erbe. Fate macerare altri due giorni poi filtrate e imbottigliate*.

*Mettete tutti gli ingredienti a macerare nell’alcool dentro un contenitore di vetro con coperchio in un luogo buio e fresco.

*Le bottiglie vanno riposte al buio in luogo fresco per almeno un mese.          Assaggiatelo freddo e tenete  la bottiglia nel frigorifero.

°                                  °                                 °                                    °

 

 

L’Alloro o Laurus Nobilis è conosciuto sin dall’antichità; in Grecia come a Roma fu simbolo di pace e di vittoria sia in campo militare che in campo sportivo. Nell’antica Grecia era consacrato al dio Apollo, nonché signore dell’oracolo di Delfi : proprio qui, secondo alcune testimonianze antiche, il primo dei sei templi successivamente eretti era interamente costruito in frasche di Alloro.  L’Alloro era anche pianta sacra ad Asclepio, dio della medicina e figlio di Apollo: per secoli la pianta fu usata contro molte malattie, in particolare contro la peste.  Con una corona di lauro venne incoronato l’8 aprile 1341 in Campidoglio, Francesco Petrarca, il quale aveva dedicato alla pianta sonetti allegorici. La solarità del lauro si riscontra anche fra i Guaranì delle foreste del Paraguay che lo considerarono un’immagine dell’Albero cosmico le cui ceneri miste a miele purificano. Una pianta ricca di simbolismi e di virtù energetiche.

 

Proprietà del lauro

Le foglie del lauro essiccate ed adoperate in infuso o decotto, sono stimolanti e antisettiche e aiutano la digestione. Dalle drupe si ricava un olio  che cura i dolori articolari e, spalmato sul pelo degli animali ne allontana le mosche.

In cucina le foglie fresche o essiccate sono usate per profumare le pietanze.                                   

                       (letto su Florario  di Alfredo Cattabiani,  1996   ed.Mondadori )

 

In casa
Mi piacciono le sue foglie lucide e coriacee, molto decorative.  Ne ho raccolto un grande mazzo che ho messo in un vaso con l’acqua. In casa dura un paio di settimane, poi le foglie seccano.

            http://www.funghiitaliani.it/index.php?showtopic=9412

                    http://it.wikipedia.org/wiki/Laurus_nobilis

Annunci

Read Full Post »