Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘orto’

 

 

 

Quando l’orto è bello. In questi giorni è fiorita l’erba cipollina che si fa ammirare con i suoi ponpon color rosa-violetto dischiusi ad accogliere api bombi e farfalle. La bellissima vanessa ha visitato ogni fiore,  poi è rimasta immobile, in posa per me.

Annunci

Read Full Post »

 

Ingredienti: 600 g di zucca pulita da semi e scorza, 2 uova, 2-3 cucchiai di farina, 3 cucchiai di parmigiano, sedano, porro, prezzemolo, aglio, buccia di limone grattata, sale

Togliete scorza e semi alla zucca e grattugiatela con la grattugia a buchi grossi. Mettetela a scolare un’oretta poi strizzatela in un telo facendo uscire tutta l’acqua.
Ponetela in una terrina assieme alle uova, la farina, il parmigiano. Aggiungete un piccolo gambo di sedano un pezzo di porro e un pò di prezzemolo tagliati finissimi, un cucchiaio di buccia grattata di limone e un’idea di aglio. Salate, impastate e formate delle polpette.  Friggetele in olio ben caldo.

Il nostro orto sempre generoso, ci ha fornito una bella scorta di zucche per l’inverno grosse e polpose che sanno trasformarsi in piatti squisiti.
Polpette come queste le preparo in estate quando è tempo di zucchine, con aglio basilico e prezzemolo che sostituiscono porro sedano e buccia di limone

 

*******

 

 

Jean-Baptiste Simeon Chardin
Donna che pela le rape, 1740
Alte Pinakothek, Monaco di Baviera

da  Web gallery of art

 

Read Full Post »

 

 

 

 

Ci siamo conosciute nell’orto, lei è da poco tempo la mia nuova vicina di casa e gironzola spesso lì intorno. La sua padrona mi dice che acchiappa lucertole e poi se le mangia, per questo d’estate è più magra. La ritrovo a volte in giardino o in attesa davanti alla porta di casa. Non cerca di entrare e non vuole del cibo, ma è golosa di coccole che ricambia affettuosamente strusciandosi sulle mie gambe con infiniti ronronron. Così dolce e discreta ci regala la sua compagnia ora che quella di Paco non l’abbiamo più. Brava Camilla!

 

Read Full Post »

Tonde, panciute e di misura extralarge, sono lievitate  sotto il sole dell’estate. Come ogni anno le zucche da inverno  regalano grandi soddisfazioni. Hanno invaso disordinatamente l’orto avanzando tra le piante di pomodoro, strisciando si sono installate accanto ai peperoni condividendone lo spazio e un pò di ombra. Sono quattro le zucche da marmellata simili a grosse angurie e per questo conosciute anche come anguria bianca.

Occorre risvegliare fantasie culinarie, ma rimane il dubbio: cosa farò di tutte queste zucche?

 

Read Full Post »

Un altro piatto con le zucchine. La produzione a km O è abbondante, nell’orto stanno crescendo anche le melanzane, grosse e tonde come un pallone.  Di un bel verde-rosato sono i pomodori, che per maturare aspettano il caldo che ancora non c’è. L’estate vera si fa attendere, e tutti a chiederci:  ma dov’è quell’afa terribile di fine luglio che rende spossanti e opache le giornate, dove si boccheggia appiccicosi e non si vorrebbe nient’altro che un filo d’aria. Qui la temperatura non è proprio estiva, stamattina il termometro segna 15 gradi, e non abito in montagna.

 Intanto, in assenza di afa il vento leggero rende il cielo bellissimo, di un azzurro intenso solcato da nuvole bianche e spumose

 

e i colori brillanti dei fiori richiamano gli insetti che  instancabili si posano su ogni fiore

 In questa estate anomala si cucina meglio, accendere il forno non è un problema , anzi è quasi piacevole. Sto sperimentando nuovi piatti con le verdure, questo è simile a una parmigiana ma le verdure non sono fritte, quindi più leggero e digeribile.

 

 

le dosi sono per 4 persone

Ingredienti:  700 g di zucchine non molto grosse, 1 ciuffo di prezzemolo e 1 di basilico,  salsa di pomodoro, 1 spicchio d’aglio, 250 g di mozzarella, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, olio evo, sale, pepe

Lavate le zucchine e tagliatele a fettine lunghe dello spessore di 5 mm. Fatele bollire 3 minuti, scolatele e tamponatele.

Tritate insieme aglio prezzemolo e basilico. Tagliate a fettine sottili la mozzarella, Ungete con poco olio un recipiente da forno adatto per farvi stare le zucchine in due strati.

Ponete sul fondo uno strato di zucchine, spolverizzatele con il trito aromatico, aggiungete un pizzico di sale e pepe, mettete sopra le fettine di  mozzarella e qualche cucchiaio di salsa di pomodoro (di seguito la ricetta), 1 cucchiaio d’olio e due cucchiai di parmigiano. Fate un altro strato di zucchine come sopra. Terminate con due cucchiai di parmigiano e un filo d’olio.

Cuocete in forno già caldo a 180° per 40 minuti.

E’ un piatto da mangiare sia caldo che tiepido, è buono anche il giorno dopo (se avanza).

La salsa di pomodoro veloce, io la preparo così.

Faccio cuocere 1/2 kg di pomodori senza buccia nè semi con aglio e cipolla tritati per 20-30 minuti, frullo con il minipimer e cospargo di basilico tritato e un filo di olio evo.

 

Read Full Post »

 

  

 

 

Il ghiaccio nel secchio ha imprigionato foglie, il gelo ha indurito la terra. Vi sono   frutti secchi  appesi ai rami del melocotogno che nella luce sfumata del pomeriggio appaiono molto decorativi. Qualche mela rossa e l’erba verdissima animano l’uniformità dell’orto invernale,  silenzioso e spoglio.

 

  

Albero secco
Un albero secco
fuori dalla mia finestra
solitario
leva nel cielo freddo
i suoi rami bruni:
Il vento sabbioso la neve e il gelo
non possono ferirlo.
Ogni giorno quell’albero
mi dà pensieri di gioia,
da quei rami secchi
indovino il verde a venire
                            W. Ya-p’ing

 

Il gelo nutre
custodisce segreti
è l’acqua neve.

Papavero di campo 

 

 

Read Full Post »

rsz_dscn3006

rsz_2dscn3040

rsz_dscn2652

rsz_dscn2997

 Fiori di pomodoro, melanzana, patata ,cetriololo

 

Possedere  e coltivare un orto dà grande soddisfazione anche se richiede impegno costante, fatica e l’incognita del tempo: troppa pioggia o siccità, la grandine, oppure le limacce numerose in questo periodo possono recare danni. Io mi ritengo fortunata perchè raccolgo le verdure nell’orto familiare che coltiva mio fratello e mi piace scendere  al mattino nell’erba ancora umida a raccogliere   zucchini e fagiolini freschi , o un  bel mazzetto di fiori di zucca ancora aperti prima che il sole li sciupi e si richiudano e tornare in cucina col mio  cestino colmo.

Le verdure fanno parte della nostra alimentazione da secoli ed erano presenti già in epoca primitiva; nel medioevo  erano considerate “cibo dei poveri” e consumate in prevalenza dai contadini. In seguito nei Monasteri coltivare l’orto divenne un’arte legata alla conoscenza di botanica ed erboristeria e si studiarono metodi di cura con le erbe officinali.

 

                •                               •                             •                            •

  

 

Gli zucchini dell’orto

Gli zucchini si possono cucinare in mille modi differenti, come infinite sono le varianti dei ripieni. Ho usato la ricotta di pecora perchè più saporita, va bene anche il seirass, la ricotta piemontese (seirass del fen).

rsz_1dscn3034

 

 Zucchini ripieni di ricotta e basilico

(altro…)

Read Full Post »