Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘mesi e stagioni’ Category

 

 

 

 

 

E attraverso i papaveri danzanti
alla mia anima arrivava
una brezza che con tocco
soave la cullava

              John Keats

 

Questo è un anno di papaveri, la nostra
terra ne traboccava poi che vi tornai
tra maggio e giugno, e m’inebriai
d’un vino così dolce così fosco…

Attilio Bertolucci, I papaveri  (da: Viaggio d’inverno)

 

incantevole
papavero di maggio
gioca il colore

                                              Papavero di campo, haiku del 9 di maggio 2012  * 
Annunci

Read Full Post »

Maggio è il mese delle rose e per non smentire il calendario e il detto,  la prima rosa è sbocciata. In un  angolo discosto, un pò in ombra contro il muro della scala.  E’ ancora in boccio, delicatamente sfumata. Una bellezza timida e discreta.

Read Full Post »

 

La farfalla cavolaia predilige l’orto, in cerca del suo cibo preferito. Ho inseguito le sue evoluzioni un pò frenetiche da una foglia a un fiore a un altro ancora. Poi si è posata su un filo d’erba e lì è rimasta immobile, cullata dal vento,  forse per riposarsi del lungo volo.

Read Full Post »

Ma dove sono andate quelle piogge d’ aprile
che in mezz’ ora lavavano un’ anima o una strada
e lucidavano in fretta un pensiero o
un cortile bucando la terra dura e nuova come una spada?…
                                Le piogge d’aprile, Francesco Guccini

Sono qui le piogge d’aprile, come ogni anno puntuali e rassicuranti.
Gli insetti  ronzavano instancabili tra le corolle aperte di fiore in fiore, sotto il sole di pasquetta. Poi si è rannuvolato,  è arrivata la pioggia di primavera, lieve noiosa e  incessante che ha tolto l’incanto dei frutteti in fiore. Bianchi  rosa  sfumati, a uno a uno i petali sono caduti ma hanno lasciato un piccolo frutto, una piccola promessa.
Guardando queste fotografie scattate solo pochi giorni fa mi sono chiesta:  dove andranno a ripararsi gli insetti quando piove?

Read Full Post »

 

 

 

 

[…]Ed erra l’armonia per questa valle.
Primavera dintorno
Brilla nell’aria, e per li campi esulta,
Sì ch’a mirarla intenerisce il core.  […]

                                                               Giacomo Leopardi, Il passero solitario

 

Read Full Post »

 

Come ogni anno a primavera è fiorita la grande magnolia di corso Gabetti, zona Borgo Po, precollina di Torino. Si mostra in tutto il suo splendore ed è la più fotografata della città, anche La Stampa le ha dedicato un articolo.
La sua breve ma intensa fioritura celebra l’inizio della primavera. Sui rami nudi i fiori sfumati di rosa hanno petali carnosi, che la luce del sole del mattino rende quasi opalescenti. Il proprietario della casa ha posto accanto al portoncino d’ingresso un quadretto di ceramica dipinta con dedica alla magnolia, “pianta indispensabile a una bella casa”. Come  ringraziamento a chi rallegra la bella stagione di tenui colori, dà ombra e frescura in estate e compagnia tutto l’anno.
E in altri giardini di questo borgo tranquillo, altre magnolie e prunus e forsizie rallegrano e colorano le belle case.

Una curiosità di questa pianta. Oltre al  valore estetico i fiori di magnolia offrono elementi utili per la salute e la bellezza della persona. Da essi si ricavano oli essenziali usati in erboristeria. Come cosmetico l’olio di magnolia dona elasticità e morbidezza alla pelle.
I fiori della magnolia (quelli naturali e non trattati con antiparassitari) si possono usare anche in cucina, cucinati fritti in pastella come quelli di acacia e sambuco.

 

Read Full Post »

 

 

 

 

 

  

 

Che emozione vedere un gregge in movimento. In campagna negli ultimi giorni dell’autunno o all’inizio della primavera non è insolito incontrare pecore al pascolo. Alcuni giorni fa, nei dintorni di casa un gruppo di pecore pascola in un pioppeto. Un giorno di fine febbraio. La campagna è appena uscita dall’inverno, sugli alberi spuntano le prime gemme, l’azzurro degli occhi della madonna è ovunque. Il sole è caldo, troppo, e al pomeriggio  pare di essere a  primavera inoltrata.
Il gregge pascola tranquillo in mezzo ai pioppi, le pecore e gli agnellini brucano a testa bassa con buon appetito e voracemente, avanzando veloci. L’erba è poca, ancora invernale; quando spunterà la nuova,  verde e tenera, sarà la loro felicità. Il pastore le sorveglia da lontano e il cane, attento ai suoi ordini, corre a fianco delle pecore facendole indietreggiare se cercano di allontanarsi.
Quando il pastore prende il comando, il gregge sta alle sue spalle ubbidiente,  e  riprende il cammino verso un nuovo pascolo.

Read Full Post »

Older Posts »